Seleziona una pagina

Gli stringenti requisiti per i settori Energia e Oil & Gas, gli obblighi normativi, l’accelerazione tecnologica sono i principali fattori che alimentano il mercato globale della sicurezza industriale, previsto in crescita nei prossimi 5 anni.

A cura di G.M. International

Secondo un recente rapporto firmato Zion Market Research, il mercato globale della sicurezza industriale pari a 3,04 miliardi di dollari nel 2018, dovrebbe raggiungere i 5,41 miliardi di dollari entro il 2025, con un tasso annuo di crescita composto (CAGR) dell’8,6% nel periodo 2019-2025.

L’attuazione alle misure di sicurezza da parte di numerosi governi è un fattore chiave a sostegno di questo mercato, solo in parte frenato dalla necessità di ingenti investimenti iniziali necessari. Al contrario, la crescente accettazione delle norme di sicurezza sul lavoro, in particolare nei Paesi in via di sviluppo, sta aprendo nuove opportunità di crescita per i principali attori del mercato quali ABB, Balluff, Emerson, Euchner, Fortress Interlocks, GE, Harting, Hima, Honeywell, Johnson Controls, Omron, Pepperl+Fuchs, Proserv Rockwell Automation, Schneider Electric, Siemens, Turck Yokogawa.

Il rapporto ha preso in considerazione 5 categorie di sistemi: sistemi di gestione dei bruciatori (BMS, Burner Management System), sistemi di monitoraggio e controllo degli incendi e dei gas (Fire&Gas), sistemi di protezione della pressione ad alta integrità (HIPPS, High Integrity Pressure Protection System), controllo di turbomacchine (TMC, Turbo Machinery Control) e sistemi di arresto di emergenza (ESD, Emergency Shutdown System).

Sul versante dei prodotti e dei componenti sono stati analizzate 7 tipologie: sensori di sicurezza, dispositivi di emergenza, relè/moduli/controllori di sicurezza, sistemi programmabili di sicurezza, valvole di sicurezza, interruttori di sicurezza, altri dispositivi accessori. I sistemi di arresto di emergenza e i sistemi di sicurezza programmabili (PLC certificati IEC 61508 con diagnostica e ridondanza rafforzate) sono i segmenti stimati in più rapida crescita con una quota molto significativa anche nel 2018.

Continua a leggere qui

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail